Incentivi agli investimenti per startup e PMI innovative

Sono state pubblicate dal MISE le modalità di attuazione del nuovo incentivo per le persone fiscihe che investono in startup PMI innovative.

Di cosa si tratta

È un’ agevolazione introdotta dal decreto Rilancio che prevede una detrazione IRPEF del:

  • 50% dell’investimento effettuato nelle startup innovative, fino a un massimo di 100 mila euro per ogni periodo d’imposta
  • 50% nelle PMI innovative fino ad un massimo di 300 mila euro,
  • Oltre il limite dei 300 mila euro, sulla parte eccedente può essere detratto il 30% tale limite, sulla parte eccedente l’investitore può detrarre il 30% (nei limite delle soglie fissate dal regime “de minimis”).

Come funziona

L’investimento, che può essere effettuato direttamente o anche indirettamente attraverso organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr), deve essere mantenuto per almeno 3 anni.

La presentazione della domanda, la registrazione e la verifica dell’aiuto “de minimis” sarà effettuata esclusivamente tramite la piattaforma informatica in corso di predisposizione dal MiSE.

Sono ammessi tutti gli investimenti già effettuati nel corso dell’anno 2020 e fino all’operatività della piattaforma: l’impresa beneficiaria può presentare domanda nel periodo compreso tra il primo marzo e il 30 aprile 2021.

A regime gli investimenti dovranno essere effettuati solo dopo la presentazione della domanda.

Beni strumentali: agevolazioni per le imprese

Sono state pubblicate le nuove modalità di erogazione delle agevolazioni previste dalla misura “Nuova Sabatini” in cui vengono applicate le novità e le semplificazioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2021.

Quali sono?

Per tutte le domande presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a partire dal 1° gennaio 2021, l’erogazione del contributo è effettuata in un’unica soluzione, indipendentemente dall’importo, invece che in sei quote annuali come previsto inizialmente.

Inoltre la Legge di Bilancio ha stanziato ulteriori 370 milioni di euro per il 2021.
La regola dell’erogazione in un’unica soluzione rimane valida anche per le domande presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari:

  • dal 1° maggio 2019 e fino al 16 luglio 2020, se il valore del finanziamento non supera i 100 mila euro
  • dal 17 luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, se il valore del finanziamento non supera i 200 mila euro.

Obiettivi della misura

La misura è pensata per rafforzare il sistema produttivo e competitivo delle PMI, attraverso l’accesso al credito finalizzato all’acquisto, o acquisizione in leasing, di beni materiali (macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature nuovi di fabbrica e hardware) o immateriali (software e tecnologie digitali) ad uso produttivo.

Per maggiori informazioni: Nuova Sabatini